Category Archives: Senza categoria

Lingue Europa: una situazione discriminatoria e antidemocratica.

(Traduzione della lettera pubblicata dal partito francese “Europa Ecologia I Verdi”), vedere collegamento in fondo alla pagina con l’originale in Francese ed Esperanto)

1- Perché l’argomento è essenziale nel periodo e deve essere centrale nel 2022?

La politica europea della diversità linguistica è infatti solo una politica della legge del più adatto. L’attuale identità culturale europea è dominata dalla cultura anglosassone a scapito degli altri.

Stato di avanzamento dell’ “Unione nella diversità”: ufficialmente 24 lingue, comprese tre lingue di lavoro. Ufficiosamente più di 85 lingue e una sola lingua di lavoro. La situazione ufficiale e ancor più quella ufficiosa sono inaccettabili. Di fronte a ciò, il motto stesso dell’Unione europea sembra essere nel migliore dei casi cecità, nel peggiore dei casi ipocrisia.

Quali problemi pone la situazione linguistica? La questione linguistica in un contesto internazionale pone innanzitutto un problema di principio. In un momento in cui la questione della discriminazione è regolarmente al centro delle notizie ed è oggetto di accesi dibattiti, abbiamo ragione a chiederci perché questa considerazione della discriminazione sia parziale. Oggi, infatti, c’è un ampio consenso, almeno retoricamente, sulla necessità di condannare la discriminazione basata su sesso, etnia, religione, orientamento sessuale, impegno politico o sindacale, stato di salute, disabilità, ecc. ma è legittimo sorprendersi che la discriminazione basata sulla lingua materna non sia affatto riconosciuta come una questione importante. Tuttavia, il fatto che una lingua nazionale, la lingua madre di una minoranza, sia imposta come lingua franca in modo ufficiale o non ufficiale alla maggioranza, vale a dire ai popoli per i quali non è la lingua madre, è fondamentalmente antidemocratico.

L’attuale supremazia dell’inglese è un fatto prevalentemente coloniale: legato alla portata e al potere dell’ex impero britannico, poi notevolmente rafforzato dall’egemonia americana a partire dalla metà del XX secolo. Questo è il fondamento dell’ordine mondiale linguistico contemporaneo, disuguale come l’ordine razziale o patriarcale, eppure la discriminazione linguistica che ne deriva non riesce a raggiungere la cima delle agende politiche, un vero punto cieco nel dibattito contemporaneo. Gli esempi degli immensi vantaggi che questo quasi monopolio fornisce economicamente, ma anche culturalmente a coloro che sono madrelingua inglese, sono ben consolidati. Il rapporto del professor Grin per l’Haut Conseil alla valutazione della scuola (https://it.wikipedia.org/wiki/Rapporto_Grin) li ha valutati nel 2005 da 17 a 18 miliardi di euro solo per il Regno Unito … Un rapporto del Senato Francese nel 2009 stimato a 28 miliardi di euro la somma che il Regno Unito deriverebbe dall’adozione dell’inglese da parte dell’Unione, che è il caso de facto, che sia parte dell’UE o meno. E c’è chi afferma che il dominio culturale significa anche dominio di un modo di pensare e di vedere il mondo. Da trent’anni la National Education corre dietro a questo fenomeno, credendo che aggiungendo lezioni di inglese alla scuola primaria, o anche all’asilo, questa disuguaglianza sarà risolta. Se guardiamo al considerevole numero di ore complessivamente dedicate a questo insegnamento, i risultati sono mediocri. Da qui il desiderio sempre più frequente dei più fortunati di dare lezioni aggiuntive ai propri figli per poi mandarli a proseguire gli studi in università inglesi o americane, a un costo esorbitante. Ovviamente l’uscita del Regno Unito dall’UE evidenzia ulteriormente il lato assurdo e scandaloso dell’attuale situazione linguistica in Europa.

2-Qual è la visione degli ambientalisti sull’argomento? Come può trasformare la società?

Gli ambientalisti lavorano per un ecosistema linguistico che preservi lo spazio per ogni lingua in Europa e la protegga dall’imperialismo delle lingue dominanti. Questa politica di protezione della diversità delle lingue e del multiculturalismo ha recentemente fatto notizia quando sostenuta dalla senatrice Monique de Marco, senatrice della Gironda, vicepresidente della commissione per la cultura, l’istruzione e la comunicazione, ha adottato un disegno di legge per la promozione e la protezione delle lingue regionali. Con lo stesso obiettivo, gli ambientalisti propongono di promuovere come linguaggio di lavoro e di scambio l’uso di un linguaggio neutro, universale e semplice, che funge da linguaggio ponte. L’Esperanto, insegnato e parlato in 120 paesi da più di un milione di parlanti, con oggi una ricca cultura, può essere questa lingua ausiliaria. L’esperanto è una soluzione giusta perché è neutrale: non è un bene culturale di nessun paese in particolare. Le sue caratteristiche di affidabilità, precisione, flessibilità non sono più da provare, così come la facilità di apprendimento, rispetto a qualsiasi altra lingua. La scelta dell’Esperanto come lingua di scambio avrebbe altri vantaggi oltre al rispetto dell’equità linguistica:

  1. Rende l’apprendimento delle lingue più facile per tutti, studenti e adulti. Non solo l’Esperanto è la lingua più facile da imparare, ma facilita anche l’apprendimento di altre lingue straniere (vedere ad esempio l’esperienza dell’Istituto Cibernetico di Paderborn (https://it.wikipedia.org/wiki/Metodo_Paderborn)
  2. La grammatica dell’Esperanto ha una chiarezza pedagogica essenziale: le nozioni di nome, aggettivo, verbo, soggetto, complemento, ecc. sono immediatamente evidenti. Questo rende anche più facile imparare la grammatica francese.
  3. Si ottengono risparmi attraverso un apprendimento più rapido (vedere il Rapporto Grin: L’insegnamento delle lingue come politica pubblica, 2005, citato sopra).
  4. Consente una più rapida assimilazione dei futuri flussi migratori (rifugiati climatici) per lo stesso motivo.
  5. Consente una migliore condivisione delle informazioni all’interno del partito (e in tutta Europa), avendo tutti gli articoli e i documenti in arrivo tradotti semplicemente in esperanto oltre alla lingua originale.

3- Proposte principali- Come implementarle una volta al governo?

(NB: La nostra commissione accoglie le proposte del programma BIEN VIVRE sulle lingue regionali)

Consapevoli della natura discriminatoria e antidemocratica della situazione linguistica in Europa, gli ambientalisti dimostreranno che è possibile cambiare questa situazione.

Ciò implica prima di tutto consentire una scelta per lo studio della 1a lingua straniera. Mentre questa scelta, sebbene spesso limitata, esiste ancora nell’istruzione secondari. Questa verrà ripristinata.

Per facilitare gli scambi e la comunicazione, in Europa e nel mondo, gli ambientalisti incoraggeranno l’insegnamento dell’esperanto a tutti i livelli scolastici, nella scuola primaria grazie al programma “Acceleratore del multilinguismo”, nella scuola secondaria con la creazione di un CAPES in Esperanto e la creazione di un’opzione “Esperanto” al bac, in attesa della graduale generalizzazione del suo insegnamento.

Basati sui valori di pace, tolleranza e rispetto per tutte le culture, trasmessi storicamente dall’Esperanto, si incoraggeranno i progetti Erasmus che utilizzano questa lingua, pubblicizzando le esperienze che hanno avuto luogo e sostenendo insegnanti e istituti di volontariato.

L’articolo originale di cui questa è la traduzione: